Buscar
  • Massimo Di Felice

La cittadinanza digitale: la partecipazione e la governance all´epoca delle reti.


¨Ci attendono tempi interessanti. Siamo sul puto di reinventare ciò che significa essere una società umana¨.

A. Pentland MIT

Il passaggio dalle forme di governance parlamentari, basate su un dibattito ristretto a pochi eletti, e su dinamiche politiche esclusivamente umane, a quelle digitali delle ecologie delle piattaforme, é una tendenza mondiale.

La piattaforma https://kabyle.com/ da diversi anni é l´ecologia digitale che connetta la diaspora del popolo Kabyle. Situata nella zona montagnosa a nord della Algeria,

Attraverso la piattaforma negli ultimi anni, il popolo Kabyle, disperso in Francia, Canada, USA, Belgio, ha potuto riaggregarsi, creando una rete che oltre a diffondere la lingua e la cultura Kabyle ha iniziato una forte pressione politica contro il governo algerino.

In Germania il partito Pirata attraverso la piattaforma liquid feedback promuove un innovatore sistema di dibattito e di votazioni che permette la proposta di leggi e il dibattito digitale su argomenti di interesse pubblico, https://liquidfeedback.org/

Le popolazioni indigene dell´Amazzonia brasiliana, separate da enormi distanze, hanno creato da qualche anno una piattaforma con l´intento di difendere i loro territori e di creare canali diretti di comunicazione tra le diverse etnie, iniziando, anche, una diplomazia diretta delle stesse popolazioni indigene con organismi, governi e istituzioni internazionali. https://www.indiosonline.net/rede-indios-online/

In Italia la piattaforma Rousseau ha creato una ambiente complesso di relazioni che comprende oltre ad una Open Accademy on line, una piattaforme che realizza la connessione tra i cittadini che si riconoscono nelle proposte del movimento cinque stelle; Attraverso oltre 14 funzioni, che permettono la costruzione collaborativa di proposte di leggi, la consulta continuata e on line dei membri, l´accesso a contenuti specifici, l´organizzazione di forme di attivismo sul territorio, é possibile anche accedere ad un insieme di corsi on line per la preparazione dei cittadini che intendono entrare a far parte delle amministrazioni locali o nazionali. https://rousseau.movimento5stelle.it/sso_home.php

Le piattaforme non sono media, o strumenti esterni da utilizzare, ma ecologie complesse da abitare. Ecosistemi di interazioni capaci di creare comunità e di sviluppare pratiche collaborative tra umani, dati, algoritmi e dispositivi, contribuendo alla costruzione di un nuovo tipo di comunità e di governance. Nelle piattaforme digitali il processo decisionale non é più circoscritto alla dimensione dialettica e opinativa della polis dove a decidere sono i rappresentanti. Ne é basato sulla figura di un leader ma é decentralizzato e continuato in quanto digitalmente monitorato. Ma, soprattutto, non é più soltanto umano. Avendo forma digitale, la governance assume la dimensione di un processo complesso composto oltre che da idee, da algoritmi, software, dati e dispositivi, elementi tutti che intervengono attivamente nei nuovi processi decisionali.

E´ necessaria una nuova teoria politica e una nuova idea di comunità. Non si tratta più di cambiare governo ma di ripensare e ridefinire cosa é un governo e cosa sia, in un contesto di reti di interazioni tra umani e non umani, un procedimento decisionale.

http://www.meltemieditore.it/catalogo/la-cittadinanza-digitale/



71 visualizações

© 2014 by ATOPOS - Thiago Franco and Massimo Di Felice

  • Facebook - White Circle
  • YouTube - White Circle